Epatite B Cronica, L’epidemia Non Si Arresta

Pechino. E’ un’epidemia silenziosa poiché continua inarrestabile. Nel mondo 2 miliardi di persone (una su tre) sono venuti a adiacenza mediante il infezione dell’epatite B (HBV), 350 milioni hanno sviluppato l’infezione nella buone maniere cronica e tutti anno si registra un sacco di decessi con lo scopo di malattie correlate al patologia. I dati emergono dal 20° Congresso dell’Asian Pacific Association for the Study of the Liver (APASL), il più notevole ritrovo del continente asiatico sulle malattie del sangue freddo, in quanto si apre oggi a Pechino. E la parte asiatica è la più colpita al mondo, il 75% dei portatori cronici (circa 20 milioni solo di Cina) si trova difatti per questa area. L’HBV è assai epidemico, 100 volte più dell’HIV (il agente patogeno dell’AIDS) e, dato che non trattata, l’infezione può produrre gravi complicanze insieme con cui fibrosi, cirrosi e sarcoma del coraggio. Nonostante queste cifre allarmanti, poche persone sono consapevoli dell’importanza di sottoporsi a una cura. Basti provvedere in quanto di Europa solo il 12% dei malati sa di avere il agente patogeno e di Italia, su circa 700mila persone colpite da epatite B cronica, solo 25mila sono durante cura, eppure molte di più potrebbero portare frutto da trattamenti efficaci verso arrestare l’evoluzione della affezione. In particolare entecavir, particella rivelazione nei centri di inchiesta di Bristol-Myers Squibb e disponibile sopra Italia da tre anni, è un antivirale orale ad elevata potere e chiusura genetica. È status dimostrato cosicché un ricevimento a lungo meta per mezzo di un antivirale ricco ed eloquente è durante gradimento di arrestare i danni al sangue freddo, di ristabilirsi la fibrosi epatica e di aggiungere la permanenza dei pazienti. Entecavir non solo blocca la replicazione del patologia nel stirpe, però spegne anche l’infiammazione indotta dall’HBV nel sangue freddo. E qualora non c’è bruciore, il deterioramento al ardire non progredisce. I dati di efficacia hanno rilevato poiché il 94% dei pazienti trattati per mezzo di entecavir ha mantenuto la caricamento virale a livelli non determinabili dietro 5 anni di cura. E studi di robustezza su pazienti trattati unitamente entecavir verso più di sei anni incessantemente hanno evidenziato giacché la combinazione poiché sviluppino mutazioni virali poiché conferiscono opposizione alla particella è stata molto bassa (circa l’1,2%). Entecavir ha raggiunto questi risultati grazie alla sinergia frammezzo la forza nell’abbattere la mansione virale e l’alta ostacolo genetica mediante la conseguente in direzione di il patologia di incrementare come minimo tre mutazioni con lo scopo di schivare all’effetto della particella.

Share this: google

E-mail
Facebook
LinkedIn
Twitter
Altro

google

Mi piace:

This entry was posted on venerdì, 26 marzo 2010 a 00:11 and is filed under Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science. Contrassegnato da tag: arresta, complicanze, epatite b, infezione. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, in caso contrario trackback from your own site.

Leave a Comment