Centro Medico Santagostino

A Che Cosa SERVE IL VACCINO EPATITE B?

Il vaccino anti epatite B conferisce un’elevata efficacia protettiva dall’epatite B, una infermità infettiva contagiosa giacché colpisce il sangue freddo ed è causata da un agente patogeno. L’infezione può trascorrere escludendo disturbi ovvero manifestarsi mediante buona salute acuta unitamente indecisione, voltastomaco, conato e ittero (colore giallastra della derma e degli occhi). Raramente la correttezza acuta varco a decesso, nella maggior porzione dei casi guarisce impulsivamente ed il infezione viene eliminato. In alcuni casi l’infezione persiste e il soggetto diventa così un trasportatore inguaribile del agente patogeno, anche privo di avere disturbi. In prossimo casi invece, mediante maggior partecipazione nei bambini, la mania può cambiare con epatite cronica e complicarsi mediante cirrosi epatica e neoformazione del ardire. Il patologia dell’epatite B viene inoculato dalle persone ammalate ovvero dai portatori cronici attraverso il vitalità, anche mediante punture (es. uso di droghe in puntura) oppure tagli unitamente oggetti contaminati, o attraverso i rapporti sessuali. Il patologia può essere anche inviato dalla origine al Bambino al circostanza del prodotto. E’ accertato cosicché le persone perché vivono insieme un degente sono a pericolo di corruzione.

COME SI SOMMINISTRA IL VACCINO EPATITE B?

Il vaccino viene somministrato verso via intramuscolare nella coscio ovvero nella contrafforte a seconda dell’età.

Il VACCINO EPATITE B È Obbligatorio?

La inoculazione è obbligatoria durante l’immunizzazione di base (3 dosi) dei bambini. In possibilità di rinuncia ad perpetrare la immunizzazione è petizione la pubblicazione del schema di conflitto. La inoculazione è decisamente raccomandata attraverso i soggetti affetti da malattie croniche del audacia e dei schiena ovvero per mezzo di comportamenti a repentaglio di passaggio del agente patogeno verso via ematica e attraverso quelli esposti ad un azzardo di infezione durante ambito competente (es. operatori sanitari).

CI SONO CONTROINDICAZIONI?

Controindicazioni verso il vaccino anti epatite B sono eventuali reazioni allergiche gravi (anafilassi) ad una altro quantità prescritta di vaccino ovvero ad un proprio componente. È provvidenziale rispedire la inoculazione durante prontezza di malattie acute febbrili oppure disturbi generali giudicati importanti dal medico.

CI SONO EFFETTI COLLATERALI?

Generalmente gli effetti collaterali sono rari e di comodo essenza e tendono a sbucare in 24- 48 ore dalla distribuzione del vaccino. Possono mostrarsi reazioni quanto a sezione di introduzione: dolore, arrossamento, consolidamento, ovverosia reazioni generali: passione non elevata, dolori muscolari ed articolari, mal di parte anteriore, estenuazione. Gli effetti indesiderati nei bambini compaiono meno ripetutamente rispetto agli adulti. Tuttavia, come con lo scopo di tutti i vaccini, non è plausibile estromettere l’eventualità di reazioni allergiche anche gravi come lo impressione anafilattico. Coloro giacché subiscono un avaria da una inoculazione obbligatoria hanno diritto ad un indennità (Legge n° 210/92).

Leave a Comment